Identità

Il territorio di Onanì è ricco di resti archeologici che testimoniano l’antica presenza di nuraghi, tombe dei giganti e domus de janas. Anche nei dintorni sorgono dei complessi nuragici importanti, come quello di “Su Romanzesu” a Bitti, luogo di culto costruito nel XIV secolo a.C. o Su Tempiesu, una fonte sacra di epoca nuragica, risalente al XIII secolo a.C.

Se invece vi affascina il mondo dell’archeologia industriale, vedere e toccare con mano il duro lavoro dei minatori sardi, allora una tappa al giacimento minerario di “Sos Enattos” è d’obbligo. La miniera, situata nel territorio di Lula, è stata recuperata dalla società IGEA, specializzata nel settore di geo-ingegneria. La loro mission è focalizzata sul recupero dei siti di elevato interesse turistico dal punto di vista archeoindustriale.

in Identità

Storia di Onanì

Sono presenti importanti testimonianze storiche ascrivibili all'età nuragica, fra cui il Nuraghe San Pietro, i cui resti della torre troncoconica affiorano vicino alla chiesa omonima di ...

Miniere di Lula

La miniera di Sos Enattos compone, assieme a quelle di S'Arghentaria e Guzzurra, un vero e proprio distretto minerario, totalmente compreso all'interno del Comune di Lula, ...

Su Tempiesu

Su Tempiesu è una fonte sacra di epoca nuragica, risalente al XIII secolo a.C.

Si trova nel territorio comunale di Orune, nella Sardegna centrale, a circa sei ...

Su Romanzesu

L'area archeologica di Su Romanzesu rappresenta senza dubbio il monumento più importante del territorio di Bitti e uno dei complessi nuragici più estesi e monumentali dell'intera ...